Company Logo

SBRG logo

SBRG office

Sponsor

Congressi

Avviso ai lettori

Stilate le conclusioni della seconda conferenza sulle piramidi bosniache ICBP2011

TAG: piramidi Bosnia, piramidi bosniache, Civiltà di Visoko, piramidi, archeologia, manufatto, tunnel Ravne, ICBP2011

Dopo la conclusione della Conferenza Internazionale sulle Piramidi Bosniache 2011 il 9 settembre a Visoko, riceviamo direttamente dalle Fondazione della Piramide del Sole il comunicato ufficiale che esprime le conclusioni tratte dal comitato scientifico dalla serie di relazioni presentate durante la conferenza dai 37 esperti provenienti da undici paesi.

Il comitato scientifico composto da nove componenti oltre che dal suo presidente, Semir Osmanagić, era così formato:

 

-  Ljuba Ristovski (Macedonia), fisico, professore all'Università di Belgrado (Serbia)

-  Sara Acconci (Italia), archeologa

-  Ernest Bauman (Germania), biologo e fisico

-  Lucia Krasovec-Lucas (Italia), architetto, professore al Politecnico di Milano

- Paolo Debertolis (Italia), antropologo medico, professore aggregato all'Università of Trieste

-  Heikki Savolainen (Finlandia), tecnico del suono professionista

-  Goran Marjanović (Serbia), ingegnere elettronico

-  Klaus Dona (Austria), curatore di museo

-  Slobodan Mizdrak (Croazia), fisico ricercatore

 

Il comitato scientifico ha pertanto suggerito cinque punti fondamentali, che nella loro essenzialità esprimono lo stato dell’arte raggiunto fino ad oggi dalla ricerca sulle strutture presenti nella Valle di Visoko e il programma per il futuro.

 

1)    La ricerca scientifica nella Valle bosniaca delle Piramidi secondo un modello interdisciplinare è il modo corretto di procedere per questo progetto.

2)    Il numero di fenomeni energetici (campi elettromagnetici, ultrasuoni, infrasuoni) individuati e misurati sulle piramidi bosniache e nel labirinto sotterraneo di Ravne sono ormai numerosi. Molto probabilmente questi fenomeni hanno una sorgente artificiale che deve essere  individuata e spiegata con precisione nel prossimo lavoro futuro.

3)    Le ricerche archeologiche e antropologiche nel labirinto sotterraneo di Ravne hanno prodotto prove della sua origine artificiale e della sua costruzione da parte di una società avanzata.

4)     La datazione al radiocarbonio di materiale organico posto nel legante dei terrazzamenti della Piramide della Luna bosniaca, che ha prodotto il risultato di 10,350 anni (+ / - 50 anni) dal tempo attuale,  potrebbe richiedere che la storia del pianeta debba essere ridefinita (ndr. come nel caso di Gobekli Tepe).

5)   È necessaria un'ulteriore ricerca archeologica sulla Piramide del Sole bosniaca per confermare la presenza di potenziali passaggi interni e camere nascoste all'interno di questa struttura (ndr. come emerso dalla ricerca effettuata mediante satelliti in grado di esplorare il sottosuolo).

 

Di seguito alcune foto della discussione, della presentazione al pubblico ed alla stampa delle conclusioni.

 

 

Paolo Debertolis -23 settembre 2011

 

 


Login Form

Partners




Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.

Copyright © 2024 SB Research Group. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.