Ricerca d'archeoacustica nell'antico castello di Gropparello in Italia

  • Stampa

Paolo Debertolis*, Daniele Gullà**, Francesca Piovesana*

 

*Dipartimento di Scienze Mediche - Università degli Studi di Trieste

**SB Research Group, Bologna

 

Riassunto - L’archeoacustica fornisce una metodica per offrire nuove interpretazioni su varie questioni antropologiche relative ad antiche strutture e popolazioni. Abbiamo portato a termine un'analisi archeoacustica su un castello medievale a Gropparello in Italia costruito su un probabile luogo sacro molto antico e riconosciuto sin dal periodo celtico per quell’area. I nostri risultati dimostrano un gran numero di fenomeni fisici che sembrano esistere solo all'interno del perimetro del castello e che non sono rilevabili nelle zone circostanti. In particolare abbiamo rilevato potenti infrasuoni, basse frequenze nel campo dell’udibile e campi magnetici a spiraliformi in grado di influenzare l’andamento dell'attività cerebrale. Possiamo presumere che il mito che racconta di un luogo sacro preesistente nella posizione in cui si trova ora il castello non è decisamente solo un mito, ma vi è qualcosa di reale, in quanto tale sito sembra possedere le stesse caratteristiche fisiche che abbiamo rilevato in altri luoghi sacri in Europa e in Asia.

 

Parole chiave - Archeoacustica, Gropparello, vibrazioni.

 

Atti del Congresso “The 5th Virtual International Conference on Advanced Research in Scientific Areas” (ARSA-2016) Repubblica Slovacca,  9 - 11 novembre, 2016: pp. 98-104.

(http://www.arsa-conf.com).

Publicato da: EDIS - Publishing Institution of the University of Zilina, Univerzitná 1, 01026 Žilina, Slovak Republic.

ISBN: 978-80-554-0958-0, ISSN: 1338-9831

Potete trovare il testo originale dell'articolo in lingua inglese qui.

Potete trovare il testo originale dell'articolo in inglese dalla pagina web del congresso qui.